Economia

Form di ricerca

La newsletter quotidiana sul commento dei mercati è stata sostituita, a partire dal 25/05/2016,  con le due newsletter settimanali che potete trovare nelle nuove sezioni “TRA MERCATI & FINANZA” e “TRA FISCALITÀ & FINANZA”

La balance-sheet recession

Molti sono preoccupati per i livelli crescenti di debito – pubblico, delle imprese, delle famiglie – soprattutto dei Paesi emergenti. Alcuni paventano che si possa finire in una recessione da debito: la “balance-sheet recession”.

All'origine della crisi delle banche

Le banche raccolgono i depositi dalle famiglie e dalle imprese, che trasformano in crediti verso le famiglie e le imprese. Ossia, chi spende meno dei suoi guadagni gira il proprio surplus a chi spende più del proprio reddito. Le banche si fanno pagare un interesse sui prestiti che è maggiore dell'interesse sui depositi.

La strada del risanamento cinese

La crescita dell'economia cinese è intorno al 6,5% per anno. A parte ogni scetticismo sulla qualità dei numeri – per esempio la crescita statunitense è prima stimata e poi continuamente rivista, mentre quella cinese è dichiarata e non rivista più – conviene scavare meglio intorno alla qualità della crescita.

Il barile dopo Doha

Il prezzo del barile dopo il mancato accordo di Doha aveva aperto a -7% e poi in chiusura è tornato dove era venerdì. Il mancato accordo di Doha è il frutto di uno scontro fra i Sauditi e gli Iraniani, con i primi che minacciano di aumentare la produzione se i secondi non giungono a miti consigli.

Conti esteri opachi

In seguito (questa almeno è la storia “ufficiale”) ad una segnalazione di un dipendente (“ribelle”) di un grande studio legale e fiscale panamense, un gruppo di giornalisti in origine solo tedeschi, incomincia ad indagare sui clienti del succitato studio (che intanto nega ogni irregolarità).

Le elezioni regionali in Germania

Il commento alle elezioni regionali tedesche – elezioni che si sono tenute in tre Lander - è spesso di tipo catastrofista: “la Merkel cade, gli Euro-scettici avanzano”. Laddove la causa di questo andamento è il disagio provocato dagli emigranti.

I primi due anni di Renzi

Due anni fa Matteo Renzi diventava presidente del Consiglio. Può essere interessante rileggere che cosa si pensava allora, ossia come erano le aspettative nell'ormai lontano febbraio del 2014. Pubblichiamo paro paro il Commento del 25-2-14. Trovate anche il link che racconta come Matteo Renzi è riuscito a diventare premier (1).

Pagine