Il contenzioso con la Cina

Form di ricerca

Il contenzioso con la Cina

Se l'economia cinese fosse di “mercato” ci sarebbero meno barriere commerciali nei suoi confronti. Il contrario avverrebbe, come ovvio, se non lo fosse. Da qui il merito del contenzioso con l'Unione Europea (1). Il Parlamento europeo è scettico nel riconoscere alla Cina lo status di economia di mercato, ma, alla fine, sarà la Commissione a decidere. Se l'economia cinese non fosse di mercato, avremmo una distorsione della concorrenza che passa attraverso il credito facile ed i sussidi alle imprese. Questa distorsione favorirebbe le imprese cinesi a danno di quelle europee (2).

La discussione non è “astratta”, ma di merito. Un'economia di mercato non prevede l'ingerenza pubblica sistematica nelle attività di impresa, una cosa molto diversa dall'intervento pubblico nel campo della sanità, dell'istruzione, e delle pensioni – ossia lo “stato sociale”. In Cina l'economia di mercato sta accrescendo il proprio peso? Come mostra il grafico (3), negli ultimi tempi si ha una forte crescita degli investimenti delle imprese pubbliche, investimenti fatti solitamente espandendo il debito, che, nel caso cinese, è già cospicuo. Questi investimenti, inoltre, possono essere stati fatti senza alcun obiettivo di redditività, ma semplicemente per alimentare la domanda. Il punto per la Cina è passare da un'economia trainata dagli investimenti, ad una trainata dai consumi. Per ora, non si vedono dei grandi segnali di questa transizione.

1http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/economia/dettaglio/nRC_16052016_1736_555656639.html

2http://bbb.radiopopolare.it/2016/05/mario-deaglio-se-la-cina-diventa-economia-di-mercato/

3http://blog.gavekalcapital.com/?p=11100

rating: 
0

No votes yet