Mercati

Form di ricerca

La newsletter quotidiana sul commento dei mercati è stata sostituita, a partire dal 25/05/2016,  con le due newsletter settimanali che potete trovare nelle nuove sezioni “TRA MERCATI & FINANZA” e “TRA FISCALITÀ & FINANZA”

Il “vero” reddito (prima puntata)

I mercati sono rimbalzati ieri a seguito dell'ascesa del prezzo del petrolio, con ciò portando acqua al mulino del nostro ragionamento sull'importanza di questa materia prima nella congiuntura corrente. E' inutile ricommentare daccapo la questione, e quindi possiamo passare ad un argomento (apparentemente) più leggero.

Orso, Toro, Coniglietto / III

L'altro ieri abbiamo sostenuto che il mercato oggi non è “orso” (bear=l'orso attacca dall'alto in basso, e quindi schiaccia), e neppure “toro” (bull=il toro attacca dal basso all'alto e quindi spinge in alto), ma “coniglietto” (bunny=il coniglietto corre di qua e di là senza una direzione precisa).

Orso, Toro, Coniglietto / II

Ieri abbiamo sostenuto che oggigiorno il mercato non è “orso” (bear=l'orso, infatti, attacca dall'alto in basso, e quindi schiaccia), nemmeno “toro” (bull=il toro, infatti, attacca dal basso all'alto e quindi spinge in alto), ma “coniglietto” (bunny=il coniglietto che corre di qua e di là senza una direzione precisa).

Orso, Toro, Coniglietto

Un mercato in caduta è etichettato come “orso” (bear=l'orso, infatti, attacca dall'alto in basso, e quindi schiaccia), mentre un mercato in ascesa è etichettato come “toro” (bull=il toro, infatti, attacca dal basso all'alto e quindi spinge in alto). Bene, come etichettare quanto è accaduto nei primi tre mesi del 2016?

Dollaro Euro

Il dollaro cambiava a 1,4 (dollari per euro) fino alla metà del 2014, poi si è rivalutato fino agli inizi del 2015, arrivando al cambio di 1,1 (dollari per euro). Da allora - pur fra molte oscillazioni - è rimasto dove era (1).

Tre coppie di indicatori

Per avere un'intelligenza puntuale intorno agli andamenti dei mercati si possono usare sei indicatori, tutti basati sui prezzi giornalieri, che poi sono accoppiati per averne tre. Gli indicatori sono:

1 – Rame versus Oro

2 - Dollaro australiano versus Franco svizzero

L'invocazione della finanza

L'inflazione al consumo dell'Euro-zona a febbraio 2016 rispetto a febbraio 2015 è intorno allo zero – un +0,7% se escludiamo il petrolio, un -0,2% se lo includiamo. Appena pochi anni fa era intorno al 2,5%. Si chiede alla Banca Centrale di produrre un'inflazione intorno al 2%, obiettivo che non è ancora riuscita ad ottenere.

Il punto sui mercati

I primi due mesi dell'anno sono stati fra i peggiori di sempre. I mercati delle azioni da qualche giorno stanno salendo, ma sono ancora lontani da dove si trovavano solo pochi mesi fa. Le borse maggiori sono flesse - dall'inizio dell'anno fino a venerdì scorso - del 5% negli USA, del 10% nell'Euro-area, del 15% in Giappone.

Pagine