Economia

Form di ricerca

La newsletter quotidiana sul commento dei mercati è stata sostituita, a partire dal 25/05/2016,  con le due newsletter settimanali che potete trovare nelle nuove sezioni “TRA MERCATI & FINANZA” e “TRA FISCALITÀ & FINANZA”

Dei leoni e delle volpi

La flessione delle borse dell'ultimo mese ha avuto due momenti: quello “cinese” del mese di agosto e quello “tedesco” degli ultimi giorni. Nel primo caso abbiamo avuto una caduta della borsa cinese come miccia, nel secondo la miccia è la multa alla Volkswagen dovuta ai test di inquinamento che si sospettano truccati.

I mercati finanziari oggi

In altri tempi un evento come quello di giovedì scorso – la banca centrale statunitense che mantiene i tassi di interesse intorno allo zero – avrebbe alimentato la crescita dei prezzi delle attività finanziarie. Così non è stato. Le azioni statunitensi sono flesse molto venerdì e lunedì sono appena rimbalzate.

La profondità della crisi cinese – prima parte

Contrariamente al luogo comune che vede la crescita cinese come trainata dalle esportazioni fatte a nostro danno, il “gran balzo” della Cina è stato trainato in misura minore dalle esportazioni nette, ossia dalle esportazioni meno le importazioni: il grosso della crescita cinese è, infatti, il frutto degli investimenti, che sono stati c

Del gestire le crisi

Da tempo i mercati delle azioni erano cari. Con ciò si intende il livello dei prezzi rispetto ai così detti fondamentali - utili, flusso di cassa, fatturato, patrimonio. Ed erano allo stesso livello del 2000 e del 2007. I grafici li trovate qui -1. Per questa ragione eravamo investiti solo per la metà del benchmark azionario.

Economia reale e borsa: una X

Come mostra il grafico con gli istogrammi trimestrali del 2012-2013, l'economia dell'Euro-zona fletteva allora dell'uno per cento (linea grigia) a ragione di un andamento contrapposto: le esportazioni – la variabile esterna: gli istogrammi arancioni, crescevano, mentre le variabili legate alla domanda interna - gli investimenti, i consu

A proposito di spending review II

Fino agli anni Novanta l'Italia cresceva molto: a) La dinamica demografica era favorevole – gli allora numerosi giovani compravano i beni di cui avevano bisogno; b) il bilancio pubblico era espansivo, ossia le spese erano maggiori delle entrate; c) dal nulla era sorta un'intera regione economica – il Veneto Marche.

A proposito di spending review

Si parla da tempo della revisione della spesa statale, la famigerata spending review. Essa dovrebbe essere ridotta a parità di servizi offerti, ossia resa più efficiente. Ma si è, allo stesso tempo, visto che non è per niente facile raggiungere questo obiettivo. La spiegazione della difficoltà dovrebbe essere questa (1.

Pagine